System Information
COMING SOON...
Home / Il Risparmio Energetico
Il Risparmio energetico
L’utilizzo di un sistema fotovoltaico permette di puntare all’indipendenza energetica della casa, rendendo possibile il risparmio nel costo della bolletta elettrica.

In questa sezione ci proponiamo di andare ancora oltre, suggerendo alcuni pratici consigli che vi aiuteranno ad ottenere importanti risparmi nei consumi elettrici quotidiani.
Monitoraggio dei consumi
Per verificare l’effettivo consumo energetico di ogni apparecchiatura che viene utilizzata nella vita di tutti i giorni è consigliabile dotarsi di particolari dispositivi, fissi o portatili, concepiti proprio per questo scopo. Se si conoscono i consumi in tempo reale di ogni elettrodomestico, sia in fase di funzionamento che in fase di stand-by, si possono individuare più facilmente gli sprechi e modificare le proprie abitudini in modo consapevole.
Esempio di dispositivo misuratore del consumo elettrico
La scelta degli elettrodomestici
La quasi totalità dei consumi elettrici della casa sono legati all’alimentazione degli elettrodomestici, che sono a dir poco fondamentali per la nostra vita e il nostro benessere. Proprio per questo, è importante scegliere i prodotti giusti, prestando un’attenzione particolare ai consumi che generano. Al momento dell’acquisto è importante verificare l’etichetta energetica che indica la classe di efficienza dell’apparecchio. Le classi in questione sono sette: dalla G, per gli apparecchi che consumano di più, alla A per quelli più efficienti. I recenti progressi tecnologici, pur senza diminuire le prestazioni, hanno condotto a livelli di consumo inferiori anche alla classe A e che vengono indicati con A+ , A++ e A+++. Oltre alla classe di efficienza, all’interno dell’etichetta sono presenti dati relativi al consumo in termini di kWh annui e alla rumorosità dell’elettrodomestico.
L’utilizzo degli elettrodomestici
Scaldabagno
Dal momento che più grande è lo scaldabagno maggiori sono i tempi di riscaldamento dell’acqua e di conseguenza i consumi elettrici, in fase di acquisto si consiglia di optare per un modello di dimensione ottimale, sulla base dei fabbisogni quotidiani. Inoltre è opportuno installare l’apparecchio in zone della casa protette da escursione termica, e il più vicino possibile alla vasca da bagno o alla doccia per evitare dispersioni di calore lungo le tubazioni. È molto importante, inoltre, impostare temperature non eccessive (40°C d’estate e 60°C d’inverno) e servirsi di un timer per attivarne l’accensione solo in determinate fasce orarie.
Frigorifero
Innanzitutto è opportuno che la scelta ricada sui modelli di frigorifero a basso consumo e no frost, i quali impediscono la formazione della brina, che funge da isolante. Inoltre si consiglia di collocarlo lontano da fonti di calore e opportunamente distanziato dalla parete per favorire la dispersione del calore. Per ridurre i consumi si eviti di aprire e chiudere continuamente lo sportello e di inserire bevande o cibi caldi.
Lavatrice
Vale, ovviamente, anche in questo caso il consiglio di acquistare modelli a basso consumo. Oltre a ciò è conveniente non eccedere nella quantità di detersivo, pulire spesso il filtro, non servirsi dell’opzione del pre-lavaggio e limitare l’utilizzo della lavatrice quando a pieno carico.
Forno
Innanzitutto suggeriamo di acquistare un forno ventilato. Inoltre, analogamente al frigorifero, per ridurre i consumi è meglio evitare l’apertura continua dello sportello mentre l’apparecchio è acceso. Anche in questo caso si sconsiglia l’utilizzo della funzione di pre-riscaldamento.
Illuminazione
Le lampadine a risparmio energetico garantiscono un consumo elettrico fino a dieci volte inferiore alle classiche lampadine a incandescenza e durano altrettante volte in più. È opportuno, inoltre, sfruttare il più possibile la luce naturale. Sembra un consiglio banale ma non lo è affatto: l’utilizzo di tendaggi troppo scuri alle finestre, che bloccano eccessivamente l’entrata della luce del Sole, rende spesso necessario l’utilizzo dell’illuminazione artificiale anche durante il giorno, e ciò costituisce chiaramente un evidente spreco.
L’inganno della modalità stand-by
Una delle abitudini più diffuse in assoluto è confondere la modalità stand-by degli elettrodomestici con il loro effettivo spegnimento. La funzione stand-by viene comunemente segnalata da una piccola spia rossa, verde o gialla che appare sul display dell’apparecchio, che segnala che il dispositivo, pur se non funzionante al momento, è “pronto” per l’utilizzo. Con questa funzione, tuttavia, l’apparecchio rimane continuamente sotto tensione e quindi continua a consumare elettricità. Mediamente una famiglia spende più di 80 euro all’anno per tenere gli elettrodomestici in stand-by. I dispositivi che consumano di più quando sono in questa funzione sono lo stereo, il televisore (se a tubo catodico) e il computer. Si consiglia, dunque, di individuare gli apparecchi di casa che sprecano inutilmente più elettricità e spegnerli nei momenti di non utilizzo. Molto comodo, a questo proposito, può essere collegare più dispositivi ad una ciabatta, senza dover togliere manualmente ogni singola spina dalla presa di corrente.